6 social media trends per il 2018

L’autunno per chi si occupa di comunicazione e strategia è un mese strano. Sono già state pianificate le campagne di Halloween e per il ponte dei Santi, Natale è già più o meno sistemato ed è il momento di pensare al 2018.

Cercando e studiando un po’ di trends che arrivano da oltreoceano provo raccontarti cosa funzionerà nel 2018 sui social, ovviamente adattando il pensiero al mercato italiano.

I social trends per il 2018

Ammettiamolo, leggendo gli articoli del mercato americano ci sono delle differenze enormi con il nostro piccolo mercato italiano. In Italia il pubblico è meno smart e ha connessioni più incerte e lente. Ma ci sono degli indicatori che secondo me saranno importanti davvero anche da noi.

social media trends 2018

  1. Personalizzazione dei contenuti: grazie agli algoritmi sempre più precisi di Facebook ma anche degli altri canali social, scrivere e distribuire contenuti pertinenti, interessanti e unici per il pubblico di riferimento sarà sempre più importante. Coinvolgimento è la parola d’ordine e per ottenerlo l’unico strumento a disposizione è lo studio del nostro pubblico. Dati di Insights, localizzazione, interessi, gusti, fascia d’età. Non è più il momento di disperdere i contenuti con post generici
  2. Seleziona con cura i social che vorrai usare: Facebook, Instagram, Youtube hanno una cosa in comune: i contenuti video. Ma un contenuto creato per Facebook dovrà avere una durata e un target diverso da quello creato per Instagram o YouTube. Scegli con cura su quale social vuoi investire e crea i contenuti, anche video, più adatti per non disperdere budget e fatica
  3. Social listening, ovvero ascolta! ll monitoraggio sui social è una pratica difficile e che richiede tempo e fatica. Per questo se hai dei canali molto seguiti e con molte interazioni ti consiglio di affidarti a chi analizza il sentiment, i commenti e tutto ciò che accade sui tuoi social. Sarà un ottimo investimento e ti consentirà anche di scoprire cosa fanno i tuoi competitor, cosa piace ai loro utenti e capire soprattutto cosa non piace.
  4. Video, video e ancora video. Non è una novità, i video oramai sono i contenuti che la fanno da padroni da qualche anno. Le ultime modifiche dell’algoritmo di Facebook datate settembre 2017 sembrano confermarlo. Solo i contenuti video hanno retto alla stretta del social di Mark che premia solo i contenuti che restano in Facebook, soprattutto se video. I video professionali richiedono di allocare un buon budget a inizio anno. Pensaci se stai pianificando la tua comunicazione e vedrai che quei soldi ti torneranno in contatti e riconoscibilità
  5. Saluta il desktop e scegli il mobile. Entro il 2020 negli USA il 60% degli utenti accederà da mobile. In Italia, basta guardare gli Insight di Facebook, la maggior parte del traffico arriva da dispositivi mobili e il traffico da desktop è esiguo. Pensaci quando crei contenuti, sia testuali che grafici o video. Una strategia che punti al mobile è destinata a un pubblico sempre più veloce e con meno tempo a disposizione. Conquistare in pochi secondi è fondamentale!
  6. Chatbot sempre più. Anche se non sempre sono impostati in maniera corretta, sempre più pagine Facebook anche da noi hanno attivati i chatbot. Permettono di trattare la richiesta che ci arriva sul social in maniera istantanea ma attenzione ad alcuni particolari: imposta sempre una risposta che possa andare bene per le diverse richieste. Eludi comunque la richiesta in pochi minuti o in qualche ora ma non lasciare l’utente al bot. Otterresti l’effetto contrario al desiderato: al posto che farlo sentire curato da una buona customer care, lo farei sentire abbandonato con un aumento di frustrazione e probabilmente di rabbia.

Anche nel 2018 i social saranno in continua evoluzione e ci aspettano sorprese che nemmeno ci immaginiamo. Pronto per questo nuovo, entusiasmante anno?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.