Nel momento in cui ho deciso che avrei affidato la parte di social media management a collaboratori esterni e di occuparmi principalmente della parte di digital strategy e gestione delle campagne di Facebook marketing, mi è capitato di vedere cv e preventivi di diversi social media manager. Dopo aver brontolato per mesi da sola o con colleghe sulla stessa barca, mi sento di poter dire che per me, un* buon* social media manager deve saper fare almeno queste cose. Scopri con me cosa fa un social media manager (o almeno cosa deve saper fare quello che spera di collaborare con me 😉

Ricetta perfetta e speziata per capire cosa fa un social media manager

Non sono la legge e il web è un settore, soprattutto in Italia, dove ognuno si può definire come vuole e inventarsi compiti e qualità a casaccio. Durante questi anni però ho avuto la possibilità di collaborare con diverse agenzie anche importanti che di solito hanno una suddivisione ferrea dei compiti. Un social media manager non va a pestare i piedi al social media strategist ne tanto meno al grafico piuttosto che all’analyst. Ma questo è il mondo delle grandi agenzie. Tornando sul pianeta PMI e professionisti l’operatività cambia e bisogna essere più duttili e più agili. Ho fatto per anni (e ancora per qualche progetto a cui voglio molto bene devo ammettere faccio ancora) la social media manager quindi l’elenco è una buona mescola tra esperienza e realtà.

Cosa fa un social media manager

  1. Prepara un documento strategico: è vero, sei un* social media manager e non un* social media strategist ma, lavorando spesso con le PMI e i professionisti, posso garantirti che a volte non c’è budget per il social media manager, figuriamoci per uno strategist. Ma non è solo questione di soldi. Mi domando spesso come, i social media manager che nel preventivo indicano “creazione del calendario editoriale” senza citare la parte strategica, possano poi mettersi al lavoro. In base a che obiettivi? Con quale budget per le sponsorizzate? Con quale tone of voice? Ti starai chiedendo “ma scusa, tu che sei una digital strategist che fai quindi?”. Io creo la social media strategy insieme al social media manager per i progetti che seguo ma non solo. Creo anche la strategia di blog e altri canali. Ho una visione d’insieme e molto spesso, fornisco io la social media strategy ai social media manager che lavorano con me. Ma preferisco comunque che tu la sappia fare altrimenti parliamo lingue diverse.
  2. Creare un calendario editoriale: fondamentale da presentare anche al cliente i primi mesi per “prendere le misure” e capire insieme se i post sono adatti all’azienda, se la grafica piace, se ci sono degli aggiustamenti da fare. Il calendario editoriale è fondamentale per avere un canovaccio da seguire e programmare i social per tempo. Prima quindi di utilizzare tool di programmazione social come Hootsuite o Buffer il calendario editoriale va creato e fatto visionare al cliente o, se stai lavorando con un social media strategist che ti coordina, al tuo referente
  3. Idee e creatività: lo sappiamo tutti, il lavoro di un grafico non potrà mai essere comparato a Canva, fosse solo perché se un’immagine viene create apposta per quell’uscita social è, per definizione, unica e originale. Ma mi ricollego al discorso sopra: spesso i budget sono risicati e allora un social media manager deve sapere maneggiare le immagini. Con Canva, con Photoshop, con GIMP poco importa. L’importante è il risultato che deve essere il più professionale possibile e di buon gusto (ma questo è un capitolo a parte e, purtroppo, molto soggettivo)6 cose che un social media manager deve saper fare
  4. Utilizzare i tool di programmazione e analisi: elemento fondamentale e imprescindibile per un social media manager è la programmazione dei canali social. Serve una conoscenza approfondita di Hootsuite, Buffer, Postpicker o IFTT. Ogni volta che mi son sentita rispondere “io uso solo Buffer, Hootsuite non l’ho mai usato e non voglio cambiare” mi è partito l’embolo. Davvero vuoi fare l* social media manager e non hai l’elasticità mentale e la velocità di apprendimento dei tool di gestione? Molto male nel caso, forse non è il lavoro che fa per te. Tutto cambia alla velocità della luce e se domani Hootsuite fosse acquistato e smantellato (come è successo per esempio con Ubersuggest per la ricerca della parole chiave) cosa fai?
  5. Impostare e gestire le campagne a pagamento su Facebook e gli altri canali: in quasi nessun preventivo che mi giunge da social media manager quando lo richiedo, c’è questa voce. Premesso che le campagne adv sui social vanno inserire nel piano strategico (per cui si torna la punto 1), come credi nel 2017 di gestire un canale social senza campagne pubblicitarie? Solo con il content? Non scherziamo. I buoni risultati si raggiungono con una perfetta combinazione di content e adv quindi, se non sei capace di gestire una campagna a pagamento su Facebook e sei un* social media manager ti consiglio di studiare
  6. Prepara un report mensile (e poi trimestrale e annuale) sull’andamento dei canali: questo è un punto fondamentale. Ti serve per diversi motivi. Il primo per capire se il lavoro sta procedendo bene. Stai raggiungendo gli obiettivi fissati? Le sponsorizzate stanno performando bene? Quali sono i contenuti di più successo e quali invece proprio non funzionano? Quali sono i commenti e le richieste più frequenti degli utenti? Sono tutte cose da valutare e sapere per aggiustare il tiro e organizzare al meglio il calendario del mese successivo. In più è l’unico documento che ti permette di confrontarti con il cliente e di dimostrare tutto il lavoro che è stato fatto e che sarà fatto. Il cliente spesso perde il filo del tuo lavoro, il documento di analisi gli serve per capire che stai raggiungendo gli obiettivi che vi eravate prefissati

Un grande in bocca al lupo se hai letto l’articolo e sei un* social media manager in erba. Studia e fai tante prove prima di proporre il tuo lavoro ai clienti e non smettere mai di aggiornarti, spero di vederti a uno dei miei corsi 🙂 Sei un* social media manager più esperto e hai voglia di confrontarti su questo tema? Ti aspetto nei commenti e sulla pagina Facebook 🙂

Ooops quasi mi dimenticavo: un regalo per te!

Vuoi iniziare l’anno investendo sulla tua formazione e sbaragliare la concorrenza grazie a una vera strategia di comunicazione web? C’è un regalo per te!

Sconto del 20% su Wonder Strategy

Prenota entro il 31 gennaio il tuo posto a Wonder Strategy, il workshop dedicato alla social media strategy e risparmia quasi 20€