Instagram: quale strategia per renderlo saporito?

Ultimamente mi sto occupando di social media strategy per diversi clienti che hanno tutti una cosa in comune: il canale scelto ovvero Instagram.

Se anni fa scherzando si diceva che gattini, cuccioli e piatti di pasta avessero successo su Facebook ora posso affermare con certezza che il loro regno elettivo è il social visual più mobile del mondo: Instagram!

la-digital-strategy-per-instagram

Cosa ho scoperto su Instagram

Negli ultimi mesi devo passarci parecchie ora per studiare, verificare, capire cosa funziona e cosa no e quindi Instagram è diventata un po’ la mia seconda casa virtuale dopo Facebook.

Posso dire senza paura di essere smentita che Instagram è il regno di chi ha voglia di mettersi in mostra, tanto, sempre, a volte troppo. Ma questo succede un po’ su tutti i social, dirai tu, quando si usano a livello personale. Questo è vero, ma data la fascia di età piuttosto bassa, sto notando mio malgrado millemila sefie di ragazzini di 12 anni con pose più o meno artistiche non proprio interessantissimi.

Ma non divaghiamo, siamo qui per parlare di social media strategy saporita giusto? Senza farci distrarre troppo da foto di lasagne, torte più o meno riuscite, scosciate signorine tutte casa e fitness, andiamo al punti cardine di una buona strategia visual.

Cosa occorre per impostare una social media strategy visuale

Non diamo per scontato nulla, quindi il primo elemento fondamentale per sbarcare su Instagram e avere un certo seguito sono le foto. Vendi un prodotto che in foto proprio non rende e ti stai già disperando? Non devi, a tutto c’è una soluzione e la fantasia fornisce spesso ottimi spunti. Se il tuo prodotto non è fotogenico potresti pensare di fare uno storytelling della tua azienda, dei dipendenti, di quello che succede giorno per giorno nei vostri uffici, negozio o attività. Oppure, come hanno fatto quelli di Pocket Coffee far vivere il tuo prodotto in un modo più creativo, disegnato, fumettoso.

Impostare un set e scegliere i filtri per Instagram

La cosa più difficile se non sei un professionista è fare delle belle foto che risultino spontanee ma che abbiano anche lo stesso filo conduttore. Non è una cosa semplice. Per questo posso darti qualche consiglio pratico e low budget per creare un’identità visiva su Instagram:

  • cerca di ricreare lo stesso set: prendi spunto dalle foodblogger più brave come che hanno sempre la stessa impostazione quando scattano la foto. Questo ti semplifica il lavoro perché non dovrai pensare ogni volta a come inquadrare e che sfondo scegliere
  • trova un elemento distintivo: The balloon diary ne ha fatto il suo tratto distintivo. Scegli un oggetto, una lettera, un piccolo particolare che sarà presente in tutte le tue immagini
  • usa al massimo 3 filtri: Instagram ha decine di filtri ma solo 2 o 3 fanno al caso tuo. Vuoi un’atmosfera più ovattata e shabby chic o un effetto più anni ‘70 e psichedelico? Scegli il tuo stile in base al tuo prodotto e al tuo target e poi utilizza sempre quei 2 o 3 filtri che ricreano in maniera simile ma diversa, la stessa atmosfera

come usare instagram per la tua azienda

Devo pubblicare tutti i giorni, tutto il giorno?

Da qualche mese anche su Instagram, impostando il profilo come profilo aziendale, sono a disposizioni diverse statistiche. Posso raccontarti però la mia esperienza con diversi clienti che operano in settori e hanno quindi target e followers molto diversi.

Le pubblicazioni ideali si sono dimostrate due o tre al giorno, comunque tutti i giorni. Su Instagram, più che su altri social, la costanza paga. Come fare ad avere tutte queste immagini a disposizione? Ci vuole una buona strategia e tanta preparazione prima del lancio del canale e durante la gestione di Instagram. E’ per questo che la strategia è un lavoro difficile ma ripaga. L’ideale è avere un certo numero di foto pronte per essere pubblicate da mettere in campo quando lo scatto del giorno proprio non arriva, non c’è o non hai la possibilità di scattarlo.

Per una Instagram strategy saporita fai così

Ecco il momento in cui, come una cuoca provetta, ti elenco la mia ricetta per la tua social media strategy su Instagram:

  • scegli bene cosa e perché vuoi comunicare tramite Instagram. E’ inutile mettersi a vendere del peperoncino cresciuto su un balcone di Milano alla festa del peperoncino di Diamante.
  • scegli il tuo stile. Foto e filtri, inquadrature e ambientazioni dicono molto di più di te e del tuo prodotto di quanto tu possa immaginare. Fai delle prove e prendi ispirazione da chi ti piace. Ho detto ispirazione, copiare è reato e poi lo sai anche tu, per tutto l’impegno che puoi metterci è come in cucina. Le lasagne come tua nonna non vengono nemmeno se ripeti i suoi gesti passo passo.
  • interagisci. Instagram è un social network e come tutti i social si basa sull’interazione. E’ inutile che pubblichi le tue foto e poi stai lì come una bolla di sodio a vedere cosa succede. Segui i profili più interessanti per la tua attività, commenta, spandi cuori a profusione per chi se li merita. Instagram è come la sagra di paese: in compagnia ti siedi al tavolone e gozzovigli tutta sera, da solo finisci a bere una birretta sgasata in un angolo. Brutta immagine.
  • fantasia. Lo sai vero che la ricetta perfetta non esiste? Come ogni cosa, quando si parla di social, essendo una materia innovativa e in continua evoluzione, non ci si può sedere e accontentare di quello che già esiste. Sperimenta, aggiungi spezie e sapori, osa. E non aver mai paura di sbagliare

Ora che ho parlato io, se hai voglia di confrontarti sulla tua strategia web, su Instagram o hai bisogno di qualcosa in più, prova a vedere se posso aiutarti. Alla prossima ricetta!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.